Storia dell'Istituto

L'Istituto nasce nell'anno 1973 con la denominazione di Istituto Provinciale di Cultura e Lingue (IPCL) con una sede a Palermo e una a Cefalù. La sua nascita fu assolutamente innovativa in quel momento, perché si trattava di istituire una scuola il cui indirizzo non rientrava tra quelli previsti dall'ordinamento scolastico statale. L’istituto raggiunse, nel volgere di pochi anni, le attuali dimensioni, con una sede centrale in Via Don Orione a Palermo e una succursale in Via Fattori a Palermo, una a Cefalù (con due plessi), una a Terrasini ed una ad Alimena, che ne fanno uno dei più grandi licei linguistici italiani con una sua precisa fisionomia nel panorama scolastico della provincia di Palermo e del suo vasto hinterland e che ha dato un contributo non indifferente allo sviluppo socio-culturale della stessa. Nell’anno scolastico 2001/2002 all'Istituto provinciale è stato riconosciuto lo "status" di scuola paritaria e nell’ anno 2005/2006 il Liceo Linguistico paritario è stato dedicato a NINNI CASSARA’, servitore dello Stato e vittima della mafia. Con D.A. n. 30/Gab del 03/09/2013 dell’Assessorato Regionale dell’Istruzione e della Formazione Professionale della Regione Siciliana è stata riconosciuta l’autonomia giuridica, amministrativa, didattica al nuovo Liceo Linguistico Statale "Ninni Cassarà" a far data dal 1° settembre 2013. Alla data odierna il Liceo Linguistico Statale "Ninni Cassarà", con le sue cinque sedi, ha complessivamente 1600 alunni iscritti, con 74 classi così distribuite: Sede centrale Palermo 26 classi, Succursale Palermo 24 classi, sede staccata di Alimena 4 classi, sede staccata di Cefalù 13 classi e sede staccata di Terrasini 7 classi.
Il Liceo Linguistico Statale "Ninni Cassarà" è stato l’unico liceo linguistico statale nella provincia di Palermo sino all’attuale riforma. Altre istituzioni scolastiche hanno avviato negli anni sperimentazioni di carattere linguistico, ma il nostro istituto vanta un’esperienza formativa di oltre quarant'anni in tal senso ed ha sempre previsto l’importante presenza del conversatore di madrelingua che affianca l’insegnante di lingua straniera per una o più ore settimanali. Il docente di conversazione è, infatti, un mediatore culturale in quanto garantisce una visione non stereotipata ma completa ed articolata della cultura di provenienza e quindi contribuisce attivamente a decodificare gli impliciti culturali, a presentare aspetti significativi della cultura intesa in senso antropologico, a stimolare il dialogo interculturale e ad avviare processi di educazione all’interculturalità e di integrazione europea. 
Il modello educativo del liceo linguistico Ninni Cassarà è quello della “didattica per competenze” per fornire i giovani allievi degli strumenti cognitivi necessari ad un apprendimento permanente. La sua azione di insegnamento/apprendimento si ispira ai principi della licealità (intesa come acquisizione di un profilo intellettuale alto e spiccatamente critico) e della europeizzazione (intesa come creazione dell’identità di un cittadino capace di interagire alla pari con gli altri contesti culturali ed economici europei). Vengono offerti corsi di studi che puntano ad un’autentica formazione liceale con caratteri preaccademici, permettendo anche la possibilità di un immediato inserimento nel mercato del lavoro non solo nazionale. A partire dall'anno scolastico 2011/2012 gli studenti del corso A della sede centrale e del corso L della succursale di Palermo e del corso B della sede di Cefalù hanno integrato il loro percorso liceale con il Progetto EsaBac che dà loro la possibilità di conseguire un doppio diploma: l'Esame di Stato italiano e il Baccalauréat francese (livello B2). Si tratta di un percorso di studi d'eccellenza, voluto dai Ministeri degli Esteri e dell'Istruzione dei due rispettivi Paesi, nell'ottica di una sempre maggiore integrazione europea. Dall'a.s. 2015/2016 anche il corso B (sede centrale) fa parte del progetto. 
Inoltre, le sezioni C (sede centrale), M (succursale) ed A (sede di Cefalù), seguono il percorso DSD (Deutsches Sprachdiplom) finanziato dalla KMK (Kultusministerkonferenz – Conferenza dei ministri dell’Istruzione degli Stati federali della Repubblica Federale di Germania), un progetto scolastico articolato su 5 anni con obbligo di almeno 800 ore di lezione di tedesco e lo studio di una disciplina curricolare in tedesco secondo metodologia CLIL. Il percorso si conclude con l’esame finale che certifica una competenza nelle 4 abilità linguistiche di livello A2/ B1 del QCER per il diploma DSD I e di livello B2/C1 del QCER per il diploma DSD II.
Inizio